Contratti collettivi nazionali commercio in vigore nel 2019

Contratti collettivi nazionali commercio in vigore nel 2019

Siete interessati a sapere in cosa consistono i Contratti collettivi nazionali commercio in vigore nel 2019 perché possono riguardarvi in prima persona o per semplice curiosità? Con questa guida potete soddisfare le vostre esigenze. 

CCNL Commercio 2019: cosa devi sapere

Prima di passare nel dettaglio nel CCNL in vigore, dovete essere a conoscenza di alcuni contratti che le aziende possono decidere di siglare con una delle ‘associazioni nazionali dei datori di lavoro’ (Confesercenti, Confcommercio, Confederazione Cifa). A loro volta esse stipulano un contratto con uno o più sindacati che sono CGIL, UIL e CISL.

Ogni lavoratore deve essere a conoscenza in quale associazione la propria impresa ha deciso di dare la propria adesione, cosicché può sapere su quale sindacato possano reclamare i propri diritti del lavoro, anche se non sono iscritti in nessuno di essi.

Ogni associazione nazionale dei datori di lavoro si accorda con il sindacato in cui si appoggia e decretano un CCNL (contratto collettivo nazionale di lavoro).

All’interno di questo documento troviamo: la soglia minima di paga base di retribuzione di uno stipendio, l’elemento aggiuntivo,l’indennità contingenza, l’indennità funzione, il 3°elemento, il totale e ogni dato a relativo al livello in questione.

Novità CCNL Commercio 2019

Per quanto riguarda i contratti in vigore nell’anno 2019, bisogna sapere che in base all’associazione che fa capo (Confesercenti, Confederazione CIFA e Confcommercio) la nostra azienda ci sono alcune differenza.

Dal 1˚ gennaio 2017 sono entrati in vigore i nuovi CCNL con una scadenza prevista in data 31 dicembre 2019.

La premessa generica del contratto in vigore coinvolge tutti i lavoratori, sindacati, associazioni e aziende indicando alcuni rimedi da apportare per la crisi che sta perpetuando l’Italia nonostante un leggero rialzo

I principi cardine che fanno capo alla stesura del documento CCNL sono: sussidiarietà, retribuzione e benefici normativi, progressività, efficacia, partecipazione, derogabilità, ente bilaterale, ermeneutica contrattuale.

Le caratteristiche del CCNL del commercio sono descritte in 164 articoli che descrivono al meglio tutti i diritti e doveri del lavoratore.

Successivamente, si trova una sezione riguardante la ‘Disciplina speciale’, a sua volta divisa in articoli, che si vanno ad aggiungere alla prima parte.

In sintesi, Il CCNL del commercio raggruppa un totale di 266 articoli che trattano tutte le questioni riguardanti il mondo del lavoro.