Trading online: è veramente una buona forma di investimento?

Trading online: è veramente una buona forma di investimento?

Investire in borsa senza le necessarie competenze, può rivelarsi rischioso. Oggigiorno, sono sempre di più le persone che preferiscono, quindi, affidarsi a portali tramite i quali interfacciarsi con broker esperti che possano gestire gli investimenti in maniera ottimale. Se si agisce nel pieno rispetto di determinate regole, come viene suggerito nella pagina dedicata al trading online presente su leopzionibinarie.it, allora i margini di guadagno possono essere davvero alti.

Fare trading online consente d’investire nelle borse di tutto il mondo senza doversi muovere da casa, quindi diventa fondamentale avere un controllo ottimale dei fondi e delle tendenze di mercato, affidandosi a un broker che sia in possesso delle certificazioni dettate a norma di legge dalla CONSOB. La figura del broker è fondamentale per effettuare le singole operazioni e dev’essere il simbolo stesso dell’onestà e della trasparenza: oltre ad essere sempre disponibile per chiarire qualsiasi dubbio dell’investitore, sarà anche in grado di suggerire le strategie migliori da attuare, nello specifico la stop-loss e la take-profit. Per fare trading online ed essere relativamente certi di avere buoni margini, bisogna essere in grado di comprendere a fondo questi due meccanismi. Stop loss, significa letteralmente “stop alle perdite” e si fisserà prima che i prezzi aumentino a tal punto da superare la convenienza di acquisto delle azioni; analogamente, il take profit consente di “trarre guadagno” e chiudere la propria posizione nel momento in cui si tocchi un punto specifico. La determinazione dei limiti entro i quali fissare entrambi, può variare a seconda delle strategie adottate, una delle quali è l’Onda di Wolfe: si tratta di uno schema dell’andamento del mercato che segue letteralmente la figura di un’onda e che parte dal presupposto che ad un rialzo dei prezzi faccia quasi sempre seguito un ribasso, e così via. Qualunque sia la strategia prescelta, nessun broker dovrà mai promettere guadagni facili o inarrivabili, piuttosto sarà cauto nel proporre movimentazioni derivanti da un’attenta analisi delle tendenze del momento, sulle quali sarà sempre informato. Una metodologia che potrebbe proporvi, riguarda le cosiddette opzioni binarie, vere e proprie previsioni del mercato sul breve periodo. Le più rischiose sono quelle che si esauriscono nel giro di pochi minuti, mentre le più sicure si determinano entro, almeno, qualche giorno di tempo. Queste opzioni, se utilizzate con molta attenzione e in maniera oculata, possono costituire un investimento assai proficuo. Per poter guadagnare con il trading online, è ovviamente necessario investire una determinata somma: i portali più seri, con broker certificati, non richiedono mai cifre che superino i 250 euro oppure offrono delle “prove virtuali” senza alcun investimento reale. Non bisognerebbe mai cedere a richieste superiori alle proprie possibilità, oppure reiterate nel tempo, perché potrebbe significare un tentativo di raggiro. In quest’ottica, va anche ricordato che le credenziali del proprio account andranno mantenete segrete e riservate, nel rispetto di una privacy che preservi il proprio conto dal quale, oltretutto, sarà sempre possibile attingere, senza restrizioni. Riscuotere le proprie vincite sarà un target importante da raggiungere e non prevede alcun tipo di tassazione. Per guadagnare con il trading, molti si affidano a veri e propri robot virtuali, che effettuano ogni singola operazione in qualsiasi momento del giorno seguendo dei parametri prestabiliti. Si tratta di uno strumento da usare con cautela, magari dopo aver acquisito sufficienti competenze in materia, perché potrebbe bastare un errore di sistema a vanificare mesi di analisi attente. Oppure, se siete piuttosto sicuri di voi stessi, affidatevi comunque a una persona “fisica”, un tecnico che sia pronto ad intervenire qualora si verifichino anomalie.