Investire in azioni Google: quali soluzioni scegliere

Investire in azioni Google: quali soluzioni scegliere

Con il mercato in subbuglio per varie ragioni, emergenza Corona-virus, crisi petrolifera, tensioni tra Cina e Stati Uniti, sorprende, ma non troppo, l’andamento in borsa di Alphabet INC.

La holding a cui fa capo il motore di ricerca più famoso al mondo, Google, è tra i primi titoli a risalire la china, dopo il due mesi traumatici come febbraio e marzo.

Tuttavia, è molto difficile comprendere ciò che potrebbe accadere nel breve e medio periodo, poiché le implicazioni che le varie crisi genereranno non sono affatto di semplice previsione.

Detto ciò, bisognerà capire come investire in azioni Google oggi, cercando soluzioni il più flessibili ed efficaci possibili.

Prima di introdurre questo tema, si ricorda che studiare la società in questione in maniera approfondita è di vitale importanza. Per far ciò basta anche consultare siti affidabili come Tradingcenter.it, sul quale è presente un’ottima panoramica di Alphabet INC e non solo.

Investire in Google con metodi tradizionali: pro e contro

Il primo metodo con cui è possibile approcciare un titolo del genere è rappresentato da metodi di investimento tradizionali, che sono stati fino a non poco tempo fa la principale soluzione per investire in questa società.

Partiamo dai punti a favore che questa metodologia di investimento offre. Data la natura di questa società, molto incline a subire strategie di investimento a lungo termine, investire attraverso i metodi tradizionali ha sicuramente senso.

Tuttavia, nonostante questo metodo preveda l’accesso all’eventuale accesso alla spartizione dei dividendi, si tratta di un finto vantaggio in questo caso, poiché l’azienda non rilascia alcun dividendo.

La spiegazione è molto semplice ed è condivisa da tantissimi altri titoli del comparto tecnologico: queste aziende scelgono di reinvestire i profitti poiché facente parti di un settore in continuo sviluppo, e nessuno può rischiare di rimanere indietro unicamente per accontentare gli azionisti.

Altri esempi del genere possono essere offerti da Amazon e da molte altre aziende quotate nell’indice NASDAQ (che, com’è noto, raccoglie i principali titoli del settore tecnologico).

Possiamo dire che sono condannate ad uno sviluppo continuo, cosa che non accade per altri settori, e perciò reinvestire è di fondamentale importanza per la sopravvivenza di queste società.

Inoltre, questo modo di investire è troppo suscettibile rispetto all’andamento dei mercati. Acquistando azioni in maniera “classica”, l’investitore non ha molte armi da utilizzare in caso di crisi economica, che, come abbiamo purtroppo avuto modo di vedere, possono accadere in maniera del tutto improvvisa.

Insomma, questo metodo ha dei vantaggi, ma sicuramente anche dei contro importanti, che in parte sono risolvibili attraverso un altro metodo di investimento, non a caso molto in voga ultimamente, che sarà presto descritto.

Investire in Azioni Google: trading online

Il secondo principale modo di investire nel più famoso motore di ricerca al mondo è rappresentato dal trading online, un settore che proprio in questo periodo sta vivendo un vero e proprio boom.

Il principale vantaggio offerto da questo tipo di investimento consiste nel poter investire anche al ribasso, utilizzando lo strumento finanziario detto CFD (contratto per differenza).

Questo vuol dire una maggiore flessibilità ed adattabilità dello strumento rispetto alle possibili circostanze finanziarie.

Tuttavia, così facendo non è possibile accedere ai dividendi, che per quanto riguarda Alphabet INC risulta, come abbiamo avuto modo di vedere, solo un falso problema, poiché non ne rilascia affatto.

Inoltre, nel trading online esistono anche alcuni broker che permettono di investire in Real Stock, permettendo così di ottenere i dividendi., quando previsti.

Sicuramente questa metodologia di investimento risulta più flessibile e duttile, potendo contrastare gli effetti di una potenziale crisi finanziaria grazie ai CFD.

Ovviamente è un settore che presenta delle specificità da conoscere e studiare. Varrà la pena, ad esempio, consultare siti specializzati come tradingcenter.it, per imparare importanti segreti sul trading online.