Conto corrente del defunto: come si può sbloccarlo?

Conto corrente del defunto: come si può sbloccarlo?

Una volta ricevuta la dichiarazione di successione, la banca è tenuta a sbloccare il conto corrente e a riconoscere, a ciascun erede, una parte dei soldi depositati sul conto corrente, in proporzione alla rispettiva quota.

Gli eredi che desiderano sbloccare il conto corrente del defunto devono effettuare la dichiarazione di successione e presentare tale documentazione all’istituto di credito.

Conto corrente intestato al defunto: come sbloccarlo?

La legge stabilisce il divieto di effettuare i pagamenti agli eredi prima che questi abbiano presentato la dichiarazione di successione.

Gli eredi che vogliono sbloccare il conto corrente del defunto devono effettuare la dichiarazione di successione e presentare tale documentazione alla banca.

La dichiarazione di successione può essere trasmessa anche da un solo erede per conto di tutti gli altri.

Oltre alla dichiarazione di successione è necessario presentare anche l’attestazione dell’avvenuto pagamento delle imposte calcolate dall’Agenzia delle Entrate.

La dichiarazione di successione è un adempimento che ha semplice valore fiscale e serve per informare l’Agenzia delle Entrate delle imposte del valore dell’eredità, al fine del computo delle tasse che graveranno sugli eredi stessi.

Chi ha intenzione di non accettare l’eredità non è tenuto a effettuare la dichiarazione di successione.

Per sbloccare il conto corrente del defunto non è necessario presentare in banca la dichiarazione di successione nel caso in cui il patrimonio:

  • non ecceda i 100.000 euro;
  • non comprenda immobili (immobili, appartamenti ecc.) o diritti reali immobiliari (usufrutto, servitù ecc.).

Oltre alla dichiarazione di successione, alcuni istituti di credito richiedono l’atto di notorietà che viene rilasciato dal Notaio o dal cancelliere del tribunale.

In esso vengono indicati i suoi dati anagrafici, il luogo e la data del decesso e l’elenco degli eredi legittimi.

Sblocco conto corrente del defunto: cosa succede dopo?

Quando la banca ha ricevuto la dichiarazione di successione, la stessa è tenuta a sbloccare il conto corrente del defunto e a riconoscere, a ciascun erede, una parte dei soldi depositati sul conto corrente, in proporzione alla rispettiva quota.

Non è possibile rinunciare all’eredità dopo che il pagamento viene accettato.

La banca può consentire prelievi per le spese del funerale?

Eccezionalmente, alcuni istituti di credito consentono, prima dello sblocco del conto corrente, il prelievo di una piccola quantità di denaro necessaria per affrontare le spese del funerale.