Prestiti finalizzati all’acquisto dei veicoli: cosa sono e perché sono convenienti

Prestiti finalizzati all’acquisto dei veicoli: cosa sono e perché sono convenienti

Molte volte capita di dover (o di voler) acquistare un veicolo ma non si ha a disposizione la somma necessaria per l’acquisto, oppure, non si ha intenzione di spenderla in un colpo solo. Una possibile soluzione in questi casi potrebbe essere il finanziamento auto. Tale strumento infatti permette di ottenere una vettura desiderata senza corrispondere l’intero ammontare necessario a finalizzare l’acquisto in un’unica soluzione e pagare l’intero ammontare in modo dilazionato senza dover rinunciare a tutta la liquidità.

Tipi di finanziamento e requisiti

Una delle tipologie di finanziamento maggiormente utilizzate per poter acquistare un veicolo è il prestito personale, da richiedere presso una banca o una finanziaria esterna alla concessionaria. In questo modo è possibile ottenere l’ammontare necessario ed acquistare direttamente l’auto senza dover perdere troppo tempo. Si può, in alternativa, richiedere direttamente un prestito finalizzato presso la concessionaria, che concederà il bene al richiedente, ottenendo dalla finanziaria il costo dell’auto. In questo modo è possibile porre in essere l’intera operazione direttamente in concessionaria. I requisiti per accedere al prestito sono gli stessi per le due categorie menzionate: un’età compresa tra i 18 ed i 75 anni (in alcuni casi, però, le finanziarie impongono un limite di età più stringente o concedono di ottenere un finanziamento con scadenza anche dopo i 75 anni); la residenza in Italia, un conto corrente o IBAN e documenti riguardanti l’impiego al fine di supportare la richiesta della somma.

I tassi di interesse

Per comprendere al meglio come funzionano i finanziamenti auto, è necessario anche prestare attenzione ai tassi di interesse. In genere, il contratto per un prestito finalizzato all’acquisto di una vettura, prevede degli interessi fissi stabiliti ed il rimborso della rata deve avvenire mensilmente. Vengono considerati due tipi di tassi: il TAN, che si riferisce alla percentuale d’interesse annuo applicato alla somma prestata, ed il TAEG, che indica la percentuale applicata alla somma prestata considerando anche le spese accessorie alla concessione del credito. Infatti, quando si intende “tasso zero” non significa che il prestito non prevede interessi, ma semplicemente che il TAN viene annullato. Il TAEG, invece, permane. Onde evitare errori di valutazione è sempre consigliabile chiedere informazioni e di leggere attentamente il contratto prima della sottoscrizione definitiva dello stesso in modo da poter comprendere in modo effettivo i costi che derivano dal finanziamento.

Finanziamento per l’auto usata

Sempre più spesso si decide di acquistare una vettura usata invece di una nuova, di valore anche elevato. Pertanto, potrebbe essere necessario un prestito. In questo caso, è bene considerare il limite della somma erogabile per questa tipologia di acquisto. In caso si decidesse di comprare un veicolo rivolgendosi ad un privato, la soluzione è rappresentata dal prestito personale da richiedere presso una finanziaria. È risaputo infatti che, nonostante il prezzo possa variare leggermente a causa del finanziamento, sempre più persone fanno ricorso a tale modalità d’acquisto. Secondo gli ultimi calcoli infatti in Italia circa il 49,6% delle automobili vengono acquistate mediante finanziamento. Invece, nel caso ci si rivolgesse ad una concessionaria, è possibile accedere anche al prestito finalizzato presso la concessionaria stessa.