Aspiranti uditori: chi sono? Bisogna partecipare a un concorso per diventarlo?

Legge

Nel gergo giuridico si parla di ‘uditori giudiziari’ facendo riferimento a coloro che vincono il concorso pubblico per entrare all’interno del sistema della magistratura. Questa nomina deriva da un duro lavoro di studio, ricerca e prove d’esame che permettono di classificarsi o meno all’interno della magistratura. Spesso ci sono forum di aspiranti uditori che si aiutano e incoraggiano a vicenda, dandosi delle dritte su possibili esami o concorsi. Ma come si riesce a diventare un uditore giudiziario? Bisogna iscriversi a un concorso per diventare aspiranti uditori? Di seguito, vi spiegheremo al meglio tutte le informazioni che vi serviranno.

Uditore giudiziario: storia

Il termine uditore giudiziario veniva inizialmente attribuito a funzionari ecclesiastici che avevano mansioni e ruoli di tipo giurisdizionale, quindi collegati alla giustizia. Dal 2007 in Italia viene definito uditore il magistrato che dopo la laurea in giurisprudenza, vince il concorso e termine i mesi di tirocinio presso un ufficio legale. Dipendentemente dal tipo di ordinamento gli uditori possono svolgere diverse mansioni tra cui il pubblico ministero, il giudice istruttore nella giustizia militare, oppure può essere anche l’ambasciatore del sovrano che si occupa di questioni pubbliche di natura legale.

Cosa bisogna studiare per diventare uditore giudiziario?

Per riuscire a conquistare la nomina da uditore giudiziario si deve innanzitutto aver conseguito una laurea in giurisprudenza e quindi di conseguenza avere un ottimo bagaglio di conoscenza giuridica. Poi si deve partecipare a dei tirocini presso gli uffici giudiziari della Corte d’appello e infine dopo si arriva alla nomina di magistrato di tribunale. Se si vogliono fare dei concorsi pubblici per diventare uditori basta avere conseguito la laurea in giurisprudenza e avere un’età compresa tra i 21 e i 40 anni. La facoltà di giurisprudenza dura cinque anni quindi è una laurea magistrale che permette l’accesso al mondo del lavoro nel campo giuridico su tutti i fronti.

Nei casi in cui si vinca uno dei concorsi, inizia un periodo di tirocinio retribuito di circa 18 mesi che in alcune eccezioni si può prolungare di circa 6-8 mesi.  Speriamo che questo articolo vi abbia elencato tutte le informazioni che necessitavate per rendervi le idee più chiare.