Huawei stocks: conviene investire nelle azioni? Dove controllare gli indici?

investimento

Nel mercato tecnologico, l’azienda Huawei è presenta da più di trent’anni, crescendo sempre di più. Ma conviene investire nelle sue azioni? E dove poter controllare il loro andamento?

L’azienda

L’Huawei è una società cinese, fondata nel 1987 a Shenzen, da Ren Zhengfei e da altri cinque soci, e tre anni più tardi l’azienda cominciò a distribuire azioni anche ai suoi dipendenti. Nel 1997, la partecipazione azionaria dell’impresa venne ristrutturata, e le azioni dei dipendenti vennero detenute in una sorta di trust. Dai rispettivi sindacati, che ne detenevano il titolo formale e partecipavano a votazioni.

Nel 2000, essa venne ribattezzata con il nome di Huawei Tech, ed il suo fondatore arrivò a possedere solo l’1% delle azioni, mentre il restante divenne proprietà della Huawei Tech Trade Union. Venti anni dopo, la Huawei richiese oltre 4411 brevetti, ed oggi la sua produzione è incentrata su telefoni, tablet, computer, smartwacht, etc.

Un fatto da notare, nella storia di questa azienda, è che nel 2019 l’amministrazione statunitense del governo Trump la accusò di avere legami con i servizi di intelligence e forze armate cinesi, visto che molti dei suoi dirigenti erano di estrazione militare e/o di servizi, e di conseguenza Trump pose il divieto ad aziende come Google o Microsoft di intrattenere dei rapporti commerciali con la società cinese.

Sempre nel 2019, comunque, il suo fatturato a 122,9 miliardi di dollari, e nel 2020, con una quota di mercato pari al 19 %, è diventata il più grande produttore di smartphone al mondo. In Italia, la società è attiva dal 2004 e annovera circa 750 professionisti sul territorio nazionale, con quattro centri di ricerca e sviluppo, una decina di uffici per varie città, e le sue sedi principali si trovano a Roma e Milano.

Conviene acquistare le azioni Huawei?

Come per ogni altra azienda quotata sul mercato, anche se solida, anche acquistare azioni Huawei comporta vantaggi e svantaggi. Tra i pro dell’acquistare le azioni Huawei c’è sicuramente il suo primato sul mercato, la cui quota è di circa del 15, nonché la redditività. Non si può non contare il fatto le sue attività per tutto il mondo. Tra i contro di questi investimenti, non si può non tenere contro delle restrizioni negli USA, ed il fermo della tecnologia 5G, sempre negli Stati Uniti, e ciò può provocare dei rischi in termini di sicurezza.

L’opinione sull’acquisto di azioni Huawei, comunque, rimane positiva, ed esse si possono acquistare tramite i broker noti, soprattutto su piattaforme come eToro o XTB. Per controllare i suoi indici, si possono consultare i siti più importanti di economia, inclusa la pagina web ufficiale della Borsa Italiana.