Codice tributo 3848: cos’è e a cosa si riferisce?

Codice tributo 3848: cos’è e a cosa si riferisce?

Che cos’è il Codice tributo 3848 e a cosa si riferisce? Quando deve essere utilizzato nella compilazione del Modello F24? Scopriamolo in questa guida dedicata.

Codice tributo 3848: l’Addizionale comunale IRPEF

L’addizionale comunale IRPEF è un’imposta che viene determinata mediante l’applicazione di un’aliquota, determinata autonomamente da ogni amministrazione comunale, sul reddito globale calcolato ai fini IRPEF.

L’imposizione è pertanto differente da Comune a Comune in base alle specifiche esigenze finanziarie; le amministrazioni comunali possono altresì deciderne la non applicazione (esenzione) oppure stabilire una soglia minima di reddito al di sotto della quale l’imposta non è dovuta.

Il pagamento dell’imposta va eseguito nello stesso anno in cui vengono maturati i redditi ai fini IRPEF.

Il primo pagamento, pari al 30% del totale viene versato a titolo di acconto da contribuente, mentre il restante 70% viene conguagliato a saldo e va versato entro il 16 di aprile in base al totale dei redditi da lavoro dipendente maturati al 31 marzo.

Codice tributo 3848: quando utilizzarlo?

Il codice 3848, utilizzato nella compilazione del modello F24, è relativo al versamento, da parte del sostituto d’imposta, del saldo dell’addizionale comunale IRPEF; per l’acconto, invece, il codice corretto da utilizzare è 3847.

Per una corretta compilazione del modello F24, si fa riferimento alla sezione Imu e altri tributi locali andando a valorizzare, nel campo comune il codice catastale identificativo dell’amministrazione comunale a cui va riversato il tributo (desumibile dalla tabella dei codici catastali dei comuni).

Nel campo codice tributo si inserisce il valore 3848, nel campo anno di riferimento si inserisce l’anno d’imposta per il quale si effettua il pagamento e, infine, nel campo importi a debito si indica la cifra da pagare.

Non è possibile utilizzare tale codice per importi a credito eventualmente da portare a compensazione di crediti maturati nei confronti dello Stato poiché, essendo un tributo comunale, sarebbe impossibile determinare ogni anno le posizioni creditorie o debitorie di ogni singolo comune nei confronti delle amministrazioni centrali.

Il mancato versamento dell’addizionale comunale può essere eventualmente sanato mediante ravvedimento operoso: in questo caso il codice 3848 sarà specifico per l’importo omesso mentre il codice 8926 sarà relativo al pagamento della sanzione prevista ed il codice 1998 sarà relativo agli interessi da pagare in relazione al tempo trascorso dall’omesso versamento.